Mosse, consegne, contribuenti minimi e forfettari, dolo… . Le 5 pillole di oggi!

23 luglio è il termine ultimo per inviare i modelli 730 per via telematica o tramite un Caf. Dalle detrazioni alle spese fino ai conguagli.
Continua il nostro percorso di informazione su scadenze, decreti e proroghe. Oggi vi proponiamo queste 5 pillole:

🖌  Martedì 730, 10 mosse per non sbagliare la dichiarazione dei redditi
Martedì 23 luglio è il termine per inviare il modello 730 via web, o tramite un Caf/professionista. Oltrepassata questa data, non sarà più possibile utilizzare il modello 730.

🖌  Fino a quando si può consegnare il 730? E se si paga in ritardo?
Novità per la dichiarazione dei redditi 2019 con il DL Crescita per il modello Unico che proroga la scadenza. Di seguito tutte le istruzioni e le date da segnare sul calendario.

🖌  Dichiarazione dei Redditi 2019 per contribuenti minimi e forfettari
Come noto, ai fini dichiarativi i contribuenti minimi e i contribuenti forfettari dovranno compilare il quadro LM. Vediamo allora le differenze tra i due regimi in sede di compilazione del quadro LM, puntando il mouse sui contributi previdenziali versati e sul riporto di eventuali perdite.

🖌 Quando posso non fare la dichiarazione dei redditi 
Ogni anno ritorna, puntuale, l’appuntamento con il fisco: per il 2019, la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi con modello 730 è il 23 luglio (per la presentazione del 730 precompilato all’Agenzia delle Entrate). Per presentare il modello Redditi, che ha sostituito il modello Unico (ma non comprende più la dichiarazione Iva), c’è tempo sino al 2 dicembre 2019.

🖌  Omessa dichiarazione dei redditi: se manca il dolo nessuna condanna al contribuente
La Corte di Cassazione con sentenza 31343 ha deciso che in caso di omessa dichiarazione fiscale non si può condannare il contribuente se non c’è dolo.

Informazione è potere. Noi siamo qui per aiutarvi.